Passa ai contenuti principali

Lotto Reading Challenge #3 - La linea sottile

Titolo: La linea sottile
Autore: Denise Aronica
Casa editrice: Amazon Self Publishing (credo)
Anno di pubblicazione: 2014

Prezzo: 2,99 (e-book)

Trama:

Quando Beth torna dal college per l’estate nella piccola cittadina di Queen’s Creek, in Arizona, non sa che la sua vita sta cambiare. Senza rendersi conto di come o perché, si ritrova a passare attraverso uno specchio e finisce in un mondo apparentemente simile al suo, ma non del tutto identico. Nella realtà al di là dello specchio, infatti, la madre di Beth, morta suicida anni prima, è viva e vegeta e le appare davanti canticchiando mentre si appresta a fare il bucato. Anche suo fratello maggiore, Joe, scomparso da mesi, si aggira per casa in tutta tranquillità e la sua sorellina più piccola, Amy, da tempo ricoverata in una clinica psichiatrica, sembra stare alla grande.
Beth scopre che qualsiasi specchio diventa una porta, sotto le dita di chi, come lei, possiede il Dono. E che attraverso quella porta si può avere accesso a infinite possibilità. Infiniti mondi alternativi. Assieme al suo amico immaginario, Peter, e alla sua migliore amica, Charlie, Beth scoprirà la verità sulla sua famiglia e verrà coinvolta in un qualcosa che si rivelerà essere più grande di lei. Qualcosa che potrebbe mandare in frantumi la sua vita. Riuscirà a vegliare su coloro che ama e, allo stesso tempo, a fare la cosa giusta prima che sia troppo tardi?



Recensione:


Ho preso l'e-book senza aspettative, anzi, devo dire che avevo messo anche il broncio di fronte alla copertina perché tetra. Una volta aperto il libro però ho cominciato a incuriosirmi di fronte alla storia, in cui molti sono gli elementi poco chiari che ti spingono nella lettura alla ricerca delle risposte.
Effettivamente all'inizio la narrazione procede lenta e non c'è un quadro generale ben delineato, solo dopo un paio di capitoli possiamo farci un'idea del passato della protagonista e dei grossi misteri che ci sono nella sua vita. Ma non vuoi che tutti, ripeto, tutti questi misteri sono collegati? A partire da Peter, il suo amico immaginario, la cui provenienza (secondo il suo strizzacervelli) non è nientemeno che il suo subconscio. La razionalità la fa da padrona e Beth cerca di metabollizzare questo e di cercare di costruire la sua vita. All'improvviso Suo fratello torna a casa, sua sorella le parla di una donna misteriosa e una strana scia di omicidi sembra avere un collegamento con tutto questo.

Beth mi è piaciuta molto come personaggio, mi è stato facile immedesimarmi in lei e capire le sue reazioni, le sue preoccupazioni e le sue debolezze. C'è un'unica cosa che non le perdono... una padellata in testa a tuo fratello no? E' stato via per un sacco di tempo, non vi ha fatto avere notizie di sé, hai persino creduto che fosse morto e la tua reazione è... pari a niente? 
Lo so che la situazione in cui lui è ricomparso richiedeva nervi saldi, ma mi è mancato un vero dialogo tra i due. Sono un'ottima squadra contro il paranormale, ma ho l'impressione che se non vi fosse stata una situazione catastrofica i due non avrebbero avuto mai più un dialogo chiarificatore. Ad ogni modo, se l'autrice passasse di qui, sappia che Beth può avere la mia padella quando vuole, la racchetta va bene comunque, ma deve tirarla di piatto altrimenti il super fratellone ci lascia le penne.

 Il colpo di genio sono le dimensioni e i viaggiatori che possono passare dall'una all'altra, le persone che sono uguali fisicamente ma non a livello caratteriale, tante piccole decisioni diverse, tanti piccoli cambiamenti ti cambiano nel corso del tempo. Quanto?
E' un paradosso con cui Beth deve fare i conti quando viaggia attraverso i mondi e incontra persone che conosce e si chiede quanto queste possano essere diverse da quelle del suo mondo, se nei suoi gesti queste sono molto simili. Un elemento importante nella storia che spero sia approfondito nel prossimo volume. Eh si, perché questa è una duologia.

L'ultima considerazione è: quanti riferimenti ci sono ai fratelli Winchester?  Joe torna a casa per via di "the family business", in un certo senso. Beth e la sua amica Charlie guardano Supernatural e sono delle grandi fan. Non si sentono molto, magari sono io che voglio trovarli, che ci volete fare. Anche se Joe nella mia testa è uguale a Dean.


L'autrice ci lascia con un finale bomba  e l'entrata in scena di un nuovo per sonaggio, Xander, che nella mia testa è uguale a Castiel, chissà perché.

Pro: é fresco, molto bello, ti cattura e non te ne accorgi, così che quando finisci di leggerlo non ti spieghi come mai siano le tre del mattino.

Contro: Mmm... Si potrebbe dire che si nota che è una scrittrice alle prima armi, ma non in senso negativo.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…