Passa ai contenuti principali

Buone Idi di Marzo!

E' un po' tardi, ma meglio tardi che mai, vero? Ogni anno mi ripeto che me ne ricorderò e invece no. Quest'anno ringrazio Tumblr.

Quindi, anche se dovrei pubblicare qualcosa come un migliaio di post arretrati tra cui l'appuntamento della Blogger League della settimana,  oggi mi prendo cinque minuti per parlarvi di uno dei miei personaggi preferiti, solo che lui è un personaggio storico e non dei libri. Di chi parlo?

Mais oui, Jules Ceasar!

(Landwalker art)

(partono gli Ave Caesar, morituri te salutant e tutte le battutine di rito).

Oddio, cosa potrei dire di Cesare che non vi abbiano detto i noiosissimi libri di storia?

Cesare è stata una figura politica piuttosto arguta del suo tempo, astuto, ambizioso tanto da essere soprannominato La reginia di Bitinia. Si ragazzi, potete pensare malissimo.

Riprendetevi ora perché il discorso non è finito, non vorrei che questi dettagli su quella faccia di bronzo vi facciano ridere come degli stupidi, sappiate solo che per i Romani l'omosessualità era considerata come qualcosa che disonorava la virilità e questa sua relazione ( e anche altre) era un motivo per sbeffeggiarlo, ma luinon se ne vegognava ma procedeva a testa alta. Considerato fin dove è arrivato...

Quanti ai nostri possono prendere ispirazione da lui?

Un patrocinante delle arti, rinnovò il centro di Roma con edifici come la Basilica Giulia e un sacco di altri edifici che non ho capito bene perché è tardi e perché le mie attuali fonti sono in inglese, ma c'è una tempio dedicato a Venere che, come certo saprete, è la dea a cui Cesare faceva risalire la sua ascendente, molti lavori furono interrotti con la sua morte, ma fortunatamente si incaricarono di portarli a termine Augusto, il suo successore politico e il suo luogotenente Agrippa.

Ci sono un sacco di storie che sono circolate su di lui dopo la sua morte sulla sua vita, ad esempio che non fosse nato in un modo convenzionale, ma che a sua madre fosse stato praticato... un taglio cesareo! E' da qui che questo prende il nome!  

Fu rapito dai pirati e questi chiesero un riscatto per il suo rilascio, a sentire il prezzo richiesto, Cesare fece triplicare lorola cifra richiesta (una volta tornato a Roma però lottò duramente contro la pirateria e cercò i pirati che l'avevano preso in ostaggio).

Un'altra storia dice che egli scoppiò in lacrime di fronte ad una statua di Alessandro Magno poiché ad una giovane età aveva raggiunto degli obbiettivi ... Be... avete presente Alessandro Magno, no?
Questo lo portò a impegnarsi in modo che il suo nome divenisse leggenda con il tempo, almeno così si dice.

Insomma, come non amare questo personaggio?

Io vado a dormire, buonanotte a tutti.

Commenti

  1. Ciao, sono stata nominata per la Liebster Award 2015 È un premio che viene conferito da blogger ad altri blogger, con lo scopo di farli conoscere nella rete e per far sì che a loro volta promuovano altri blog che li hanno colpiti. Siccome mi piace il tuo blog a mia volta ho nominato il tuo… se ti va di partecipare a questa iniziativa puoi venire a vedere di che si tratta qui: http://camminando-tra-le-pagine.blogspot.it/2015/03/liebster-award-2015.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per la nomina, sono passata da te e non vedo l'ora di mettermi al lavoro!

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…