Passa ai contenuti principali

WWW Wednesday #2

Salve! Primo WWW dell'anno qui sul blog. 
Io sono ancora in vacanza, l'ultima settimana e poi ...sigh. La prossima settimana ho un esame e dovrei rimettermi decisamente a studiare o sono fregata, ma che bello! Voi come siete messi? Il rientro di oggi è stato così traumatico?
Eccoci alle fatidiche tre domande.

                               WHAT HAVE YOU RECENTLY FINISH READING?
                                     (Cos'hai finito di leggere recentemente?)

Albion, l'ho riletto almeno due volte, non riesco a non separarmente e Amazon ancora non da il secondo volume e il secondo spin off che sono usciti prima della fine dell'anno. Ahimè, che dolore.  






                                                   WHAT ARE YOU READING?
                                                       (Cosa stai leggendo?)

Al momento non granché, ho riaperto libri che avevo cominciato tempo fa e che avevo lasciato dopo un po', tipo Le streghe di Eastwick il nome del cui autore mi sfugge, ma è un John. Ho letto un altro capitolo del Manuale di sopravvivenza per ragazze in crisi (economica) di Sara Lorenzini. Ci ho trovato un sacco di cose che già sapevo, ma ne vale la pena, tra una risata e l'altra ci sono anche informazioni che possono sempre tornare utili. Donne, ragazze, LEGGETELO!






                                 WHAT DO YOU THINK YOU’LL READ NEXT?
                                              (Cosa pensi di leggere dopo?) 

Allora, c'è sicuramente Il solstizio di C.E. A. Bennet, in realtà ho letto già un paio dei primi capitoli, ma penso che lo leggerò come merita di essere letto e non fino alle due come mio solito perché ha qualcosa che riesce a trattenerti finché non finisci la storia o finché qualcuno non grida "Gli esamiiiiiii". Poi ci sono Le cronache di Magnus Bane che avevo inserito nel precedente WWW Wednesday e che non ho ancora iniziato, anche se in precedenza avevo già letto qualcuno dei capitoli all'interno, solo vorrei riuscire a leggere bene anche questo. Matta per Manolo di Bea Buozzi che non ho e che ho visto sul blog di Pick me. Choose me. Read me.
Si, lo so, ho detto che i romanzi rosa non sempre mi vanno giù, ma forse è il caso di fare pace, non credete?





E voi? Cosa vi riserva questo mercoledì? Fatemelo sapere nei commenti o mandatemi il link del vostro  WWW Wednesday

Commenti

  1. Ciao ^^ il libro della Morante mi ispira un sacco, soprattutto con quel titolo!!
    ma sai che le cronache di magnus Bane le devo leggere anche io?? Sigh sigh purtroppo dovrò aspettare ancora ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IN effetti è un libro che finora non mi ha deluso, mi piace soprattutto la capacità dell'autrice di autoinventarsi ogni volta che si presenta una difficoltà. Se hai il kindle sappi che è un kindle gratuito su Amazon, io l'ho preso assieme agli altri millemila titoli gratis che volevo provare appena arrivato il kindle. Menomale che l'ho fatto!
      Le cronache di Magnus Bane... sigh... e con questo sono due WWW Wednesday che dico che lo leggerò ma non lo farò mai.

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…