Passa ai contenuti principali

Un protagonista immaginario per una storia che potrebbe essere reale

Titolo: L'amico immaginario

Titolo originale: Memoirs of an imaginary friend

Autore: Matthew Dicks

Casa editrice: Giunti

Anno di pubblicazione: 2012

Prezzo: 5,90  euro

Trama: 


Per Max vivere è una faccenda piuttosto complicata: va in tilt se deve scegliere tra due colori, non sopporta il minimo cambio di programma, detesta essere toccato, persino da sua madre che vorrebbe abbracciarlo molto di più. Del resto ha nove anni ed è un bambino autistico. Per fortuna c’è Budo, il suo invisibile e meraviglioso amico immaginario che non lo abbandona mai e da molto vicino ci racconta la sua storia.
Finché un giorno accade qualcosa di terribile: Budo vede Max uscire nel cortile della scuola e sparire nell’auto della signora Patterson, la maestra di sostegno. Lo chiama, gli ordina di fermarsi, lo rincorre, ma è tutto inutile. L’auto sfreccia via e per la prima volta Budo è solo. Da quel momento, di Max non si hanno più notizie. E quando a scuola arriva la polizia per interrogare gli insegnanti, Budo è l’unico a sapere con certezza che la signora Patterson non sta dicendo la verità. Ma nessuno al mondo può sentire le sue parole, nessuno, tranne il suo amico scomparso... Dov’è finito Max? Che cosa può fare Budo per risolvere un mistero più grande di lui e riaverlo con sé?

Mentre la tensione sale, la voce incantata e potentissima di Budo rapisce il lettore fino alla fine, travolgendolo di commozione e poesia. Un romanzo indimenticabile.



Recensione:

Questo è un libro molto ben scritto, e devo dire che l'autore è stato molto bravo nel descrivere una cosa: l'ansia. Provi ansia quando leggi del mondo
dorato in cui vivono Budo e Max mentre sai che all'improvviso QUELLA precisa persona rapirà Max. Non sai quando avverrà, ma sai che succederà. Oltre a questo, nel libro ci sono tanti piccoli eventi inaspettati che messi assieme fanno sì che o leggi questo libro tutto d'un fiato o ti viene l'ansia perché non hai la minima idea di quello che potrà succedere. Arrivata alla fine scopro che l'autore è un grande fan di Stephen King... Ma dai! Non me lo sarei mai aspettato, tutta quest'ansia chissà da dove viene.

Vabbé che si parla del peggior incubo di ogni genitore e l'ansia è giustificata, però in un certo senso passa in secondo piano per parlare del rapporto tra Max e Budo e di quello che questo rapimento comporta, un po' per l'uno, un po' per l'altro che vede sparire l'unica persona "reale" in grado di vederlo.

Ho apprezzato tantissimo il personaggio di Budo, l'amico immaginario, mi è sembrato quasi un fratello maggiore per Max, un angelo custode o un Peter Pan segreto che non vuole che il suo bimbo sperduto cresca così da poter
giocare con lui per l'eternità. Ma all'improvviso ecco che Max sparisce ed è Budo che deve scegliere di "crescere" per salvare il suo amico, deve scegliere tra sè stesso e Max. E' una delle storie più intense che io abbia mai letto, ma questo momento, quello che ti dice che non importa chi sia il tuo amico, lui è lì per te, ecco, quello è il momento più bello della storia.
Quello che non mi aspettavo di trovare era una "spiegazione" del comportamento del cattivo di turno così che per un piccolissimo momento possiamo capirlo, vedere il suo lato umano, la sua disperazione e il suo dolore, prima di continuare ad odiarlo.
Leggetelo!

Pro: E' davvero una bellissima storia, molto ben articolata, molto ben scritta e piena di colpi di scena.

Contro: L'autore è un fan di Stephen King, siete avvisati. 

Commenti

  1. Libro interessante, mi ispira molto! :D Credo proprio che lo aggiungerò alla mia TBR!

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…