Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | La storia infinita

Titolo: La storia infinita
Titolo originale: Die unendliche Geschichte
Autore: Michael Ende
Casa editrice: Tea
Anno di pubblicazione: 1979 (prima edizione)
Prezzo: 10,00 euro

Trama:
Bastiano è un giovane goffo, e non è quel che si dice comunemente un "ragazzo sveglio", ma la lettura (e il termine è improprio, perché egli passerà alternativamente dal ruolo di lettore a quello di personaggio e di protagonista) di questo libro lo farà cambiare e farà cambiare la Storia stessa. Gli farà capire che il "fa' ciò che vuoi" che sta scritto sull'amuleto ricevuto in dono non significa "fa' quel che ti pare", ma esorta a seguire la volontà più profonda per trovare se stessi. Che è la strada più ardua del mon do. Il libro e Bastiano la percorreranno insieme, e il ragazzo attraverserà tutti i suoi desideri e passerà dalla goffaggine alla bellezza, alla forza, alla sapienza, al potere, fino a quando dovrà fermarsi.

Recensione: 
Probabilmente mi avete sentito lamentare di questo libro qua e là tra i vari post: è uno dei libri che stavo leggendo quando ho aperto il blog, riprenderlo in mano è stato catastrofico, doloroso e straziante, per quanto una lettura possa esserlo. 
Okay, la prima parte non è totalmente malvagia... la seconda parte ti fa venire voglia di prendere a ceffoni Bastiano, metterti le dita nei capelli... finché gli eventi non prendono di nuovo senso e non riesci a goderti il finale del libro, anche se un paio di paroline ad Ende le avrei dette, ad esempio: Perché mettere un bel finale dopo quella parte orribile che è la crescita a dismisura dell'ego di Bastiano? E uffa.
Ho cominciato il libro ad agosto, capitemi.
Okay, il libro non è malvagio, sono io che quando le cose hanno cominciato a farsi noiose e gli eventi piatti avevo una barba bianca come quella di Silente e ho lasciato il libro sul comodino a prendere polvere.
Mi è piaciuto il linguaggio semplice e da favola, nella prima parte fa parte dell'atmosfera e riesce a rendere la lettura piacevole, è un elemento della narrazione ben utilizzato che si integra alla perfezione. Una volta che Bastiano entra nel mondo di Fantàsia e gli eventi diventano piatti, quello che era stato un elemento ben utilizzato aiuta a far crescere il broncio durante la lettura, poi la lettura si salva e ti fa chiedere altre 100 pagine all'autore perché quel finale non basta. Un altro pochino. Per favore.
Nonostante la parte del viaggio di Bastiano a Fantàsia non mi sia piaciuta per i suddeti motivi, ho apprezzato il percorso del personaggio, ogni tassello seguiva l'altro e rendevano umano il personaggio.
Il comportamento di Bastiano, soprattutto gli aspetti più negativi, non sembrano quelli di un bambino, piuttosto quello di un adulto che si ritrova in mano il potere e ne rimane accecato, soprattutto quando gli adulatori non mancano. Un galletto della peggior specie.
Sapientemente scritto, riesce a suscitarti le emozioni giuste durante la lettura, forse quel senso di nervoso è voluto e ilmio chiudere il libro è stata una reazione esagerata ad una ben nota intolleranza agli idioti. La storia (infinita) si salva infinite volte e ti fa chiedere infinite volte una continuazione che per fortuna c'è.

Pro: Non è totalmente malvagio, il comportamento di Bastiano nella seconda parte può essere utilizzato come manuale di riconoscimento del perfetto idiota.
Contro: La seconda parte fa mettere il broncio.

Commenti

  1. E' uno dei rari casi in cui ho preferito i film al libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, sono d'accordo con te, il libro ti lascia con questa sensazione di... WTF?? Non so se mi spiego.

      Elimina
  2. Ciao :D ho appena conosciuto il tuo blog grazie al link party di Piccole macchie di inchiostro e mi sono iscritta ai lettori fissi! Sinceramente questo libro non mi attira molto e se veramente è come dici tu, lo avrei abbandonato. E poi neanche la copertina mi attira molto :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho letto perché era nella lista di cose da fare prima di morire... In effetti il libro è stato un po' abbandonato a se stesso per un po' (quasi un anno) e odio lasciare interrotto un libro, nel bene e nel male cerco sempre di terminarlo.

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…