Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | James e Chelsea

Questo libro mi è stato gentilmente inviato dall'autore e finalmente posso farne la recensione. 
Ammetto di averla scritta con immenso ritardo, infatti chiedo scusa.

Titolo: James e Chelsea


Autore: Roberto Giuseppe Cozzo
Casa editrice: Kindle Direct Publishing di Amazon
Anno di pubblicazione: 2015
Prezzo: 6.27 (Amazon)

Trama:
"Negli occhi di Chelsea vedo qualcosa che mi spinge ad andare avanti. Non solo. Qualcosa che mi guida, che mi conduce lungo la strada da seguire, e non si limita ad indicarmela. È una strada che potrei non essere in grado di percorrere. Non so se sia in difetto di coraggio o capacità, ma sento che dovrei provarci ugualmente. A qualunque costo." Nel tentativo di perseguire il proprio personale senso di giustizia, due ragazzi cercano di fuggire da un ingombrante passato, che li condiziona fortemente. La moralità, immancabilmente relativa, viene messa in discussione, mentre un viaggio li porterà via dalla zona in cui hanno imparato a soffrire. Scopriranno che allontanarsi da un luogo è possibile, ma prendere le distanze dalle proprie vite è un obiettivo che può essere raggiunto solo conoscendo sacrifici forse insopportabili.
Recensione
Trama: abbastanza avvincente, riesce a catturarti e a convincerti ad andare fino in fondo alla lettura. L'inizio promette bene, ma sono rimasta piuttosto confusa verso la fine, non perché io non abbia capito alcuni avvenimenti, più che altro non ho capito il modo in cui sono stati trattati.
Personaggi: Ben caratterizzati, l'autore non spende molte parole per descriverli, giusto il necessario. Né troppo né troppo poco.
Stile di scrittura: scorrevole e fresco, anche se in alcuni momenti si sofferma su punti che potevano essere trattati meglio. La sua analisi di eventi e psicologia dei personaggi mi era piaciuta all'inizio perché essenziale, ma andando avanti con la storia diventa prolissa e mi ha annoiato. 

Che posso dire in conclusione? Ci sono molti elementi di molti generi, ma non appartiene a nessuno di questi. Da una parte è un bene, dall'altra tratta molti argomenti ma rimane in superficie. Questo è un libro d'esordio e fa pesare questo fatto. L'autore ha del talento e del fascino però non riesce a sfoggiarli completamente, entusiasmando prima e lasciando confusi poi, per non dire annoiati. Ha le carte in regola per qualcosa di geniale, ma non le usa tutte. Mi dispiace dirlo visto che è uno dei primi autori emergenti che recensisco, ma questo libro non mi è piaciuto completamente.

Vi lascio il booktrailer:


Commenti

  1. E' sempre un inizio. Come esordio non mi sembra male.
    In futuro vorrei mandarti il mio libro. Ma ci vorrà moooooolto tempo. Posso?

    RispondiElimina
  2. Non sono ancora riuscita a metterci le mani sopra, ma mi ispira parecchio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…