Passa ai contenuti principali

Book Blogging things I suck at



Prendo in prestito questo tag da The Bookshelf e dico anch'io la mia sull'argomento, ossia mi faccio un esame di coscienza e vado a piangere in un angolino.

Ho salvato questo tag e l'ho lasciato un attimo nel dimenticatoio, poi ho visto che tutta la blogosfera (o una buona parte) aveva cominciato a pubblicarlo e me ne sono ricordata.

Iniziamo (Ahi ahi)

1. La tempistica. Certe volte comincio un libro, comincio una recensione oppure un tag e lo interrompo prima di poterlo pubblicare. Dopo qualche era geologica lo riapro e fooooorse il post vede la luce. 

2. Blog events. Sono pessima nell'organizzare una qualsiasi cosa sul blog. Il travelling book project è il primo di una lunga serie di eventi che ho tentato di organizzare, ma è stato l'unico a vedere la luce finora.

3. Le rubriche. Ne ho viste circa un migliaio sulla rete che mi sono piaciute, ma ce n'è forse una che ha resistito sul blog più di 3-4 mesi?

4. La grafica. Adesso facciamoci una sonora risata. Vedete l'header di Anacleto? Dalla prospettiva di un notebook è fantastico, comodo, dal punto di vista di uno schermo decente fa cagare non si può vedere, ho una sensazione quasi claustrofobica. E non voglio parlare di altro.

5. Qualche tempo fa ho notato che persino in Indonesia hanno cliccato il mio blog, così ho deciso di fare dei post bilingue. Ho deciso, non ho detto che li ho portati fino in fondo.

6. Faccio un uso improprio di gif

7. I tag. Ne ho salvati almeno 20 tra le bozze, ma mai che riesca a completarli. La cosa di cui mi vergogno di più è che un paio sono anche quelli in cui sono stata anche taggata. Che vergogna. Di nuovo.

8. Ho già detto che leggo una montagna di libri ma non mi decido mai a fare la recensione?

 
9. Essere presente nella blogosfera. Fare un giretto tra i vari blog  e lasciare commenti qua e là. Non dico di fare una cosa del genere ogni giorno, ma almeno una volta a settimana non guasta.

10. Usare correttamente i social. Non parlo di facebook perché mi è pure venuto in odio, ma almeno Google+ non guasta.

11. Ci sono cose da blogger che non rispetterò mai, vedi i gruppi di lettura o il piccolo spazio nella sidebar con su scritto "In lettura". Ahahahaha. NO. Davvero, pensate forse che il libro lì indicato fosse quello in lettura? Nell'arco di tempo impiegato per leggere QUEL libro ne ho letti altri tre. Non lo faccio apposta. Credo.




Commenti

  1. amo questo post... posso sentirmi meno sola! Anch'io ho tanti progetti, ma poi non riesco mai a realizzarli -.- vogliamo parlare poi dei tag? Ne avrò una cinquantina salvati su un documento!! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiii! Concrdo con i tag, ogni volta che ne trovo uno che mi piace lo salvo ma non lo completo mai. Ho qualcosa come 29 boze su Blogger e la maggior parte sono tag.

      Elimina
  2. Ahahaha mi hai fatta morire con questo post, come ti capisco!
    Io a differenza tua ho reperti archeologici di post che MAI vedranno la luce. XD
    E che dire dei libri letti e non recensiti? Sono il mio pane quotidiano!
    Nonostante tutti i nostri difetti da blogger però siamo ancora qui a scrivere ed è già una gran cosa! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho aperto il blog nel 2014 e i miei post sono "relativamente" recenti. Aaaah, come non mi sento sola XD
      Hai ragione, l'importante è l'intenzione e l'impegno che ci fanno andare avanti con i nostri blog, ma io sono il tipo dipersona che "Pigrizia portami via"

      Elimina
  3. Questo tag è carinissimo! *_*
    E la maggior parte dei problemi che hai indicato sono anche i miei!!! :P

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…