Passa ai contenuti principali

Cartoline dall'Olanda

Arriva una campagna di scuse dall'Olanda, si chiama Scusa Roma ed è stata promossa da Elisabeth Jane Bertrand per dimostrare che le devastazioni dei tifosi del Feyenoor non rappresentano gli olandesi, sono stati raccolti finora 4000 euro e l'obbiettivo è di arrivare a 100mila. 



E' davvero una bellissima idea, se non fosse che i danni ammontano a molto di più di 100mila euro e molti dei donatori sono italiani. Lo so perché sono andata a controllare. Avevo un sorrisone a 32 denti quando è risuonato un rumore di vetri infranti nella mia testa.


Molte banche e istituzioni private in Italia hanno dato la loro disponibilità per finanziare  i restauri, anche se il responso prima dei lavori è "non tornerà mai come prima".


Okay, sono arrabbiata, si vede, non dovrei trattare male questa persona che della sua iniziativa ha detto "Serve perché io possa tornare a testa alta nella Città Eterna". 100mila potrebbero essere una cifra di partenza, potremmo continuare cercando alcuni dei tutti i responsabili e cominciare a chiedere soldi anche a loro. E poi metterli alla GOGNA!!!

Quindi i miei rispetti Elizabeth Jane Bertrand, scusa per il nervoso, se tutti i tifosi fossero come te e le persone che si sono mobilitate per la tua iniziativa non starei raccogliendo frutta.


Commenti

  1. Che schifo guarda :(
    E l'Olanda come stato che non ha detto "a".. Ma si può??

    RispondiElimina
  2. No, non si può. Ne dicono tante di noi italiani, ma secondo me noi abbiamo solo la nomea, è "tutto fumo e poco arrosto". Per gli incivili non esiste un passaporto, sono ovunque! Ma la reazione dell'Olanda è stata davvero pessima, ci credo che poi sui social vedi le dichiarazioni di guerra. Il comportamento ingiustificabile non si è fermato alle devastazioni di Roma, questa signora se ne è resa conto e ha voluto fare qualcosa di significativo per non far passare l?olanda come la nazione barbara di turno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, da romana e 'romanista' mi stavo già vergogando di come si sarebbero comportati lì i nostri ultrà... E invece.. Sbeff, uno schiaffo morale!

      Purtroppo noi come paese siamo noti per far quel che cavolo pare alla gente.. Sono stata in Germania, strade perfette e pulitissime.. Eppure non sai quanti tedeschi ho visto buttare roba per terra come se fosse routine... :/

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…