Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | Morgana


Morgana

Titolo: Morgana
Titolo originale: Morgane
Autore: Michel Rio
Casa editrice: Instar Libri
Anno di pubblicazione: 1999
Prezzo: 28000 lire!!!

Trama:
Il nero contrario di Merlino, ecco Morgana.
Solo l'incanto verde dei suoi occhi rimane intatto, da quando a due anni accoglie Merlino come padre e maestro, a quando per l'ultima volta lo fissa, prima di addormentarsi per sempre, accanto ad Artù, nell'immenso mausoleo di Avalon. Nel frattempo l'indissolubile legame d'amore e d'odio che tiene avvinte queste tre vite, ha creato e distrutto un mondo.
Nella Valle senza Ritorno, al riparo delle scogliere di Avalon, la formidabile Regina cerca nel crimine individuale la vendetta contro il male che domina l'universo. La sua mente è gelida come il marmo del tavolo di dissezione su cui scruta l'uomo. Il suo corpo, veleno dei sensi, si scalda nell'amplesso come quello di una concubina. Libera da ogni vincolo morale, regala piacere e infligge dolore con identica impassibilità. Unica sua debolezza è l'amore incestuoso per il fratello Artù. Mordred, concepito e allevato per annientare la Tavola Rotonda, sarà il suo ariete da guerra. Artù incarna la giustizia e la giustezza di Merlino, Morgana il conturbante capolavoro della sua scienza. L'uno insegue il sogno di una società possibile, l'altra la perfezione di un mondo astratto. Perché giunga il tempo degli uomini, Artù distrugge città e fortezze. Affinché il suo disegno non si compia, Morgana le costruisce, purificate di ogni umanità e, come il più valente degli architetti, le rende infallibili quanto le leggi della natura.
Il tormento della donna più bella d'Occidente è amare rifiutando l'idea stessa dell'amore, essere desiderata da tutti, desiderando soltanto chi non si può desiderare. Tramonta l'età dell'oro, sogno di Merlino, avanza l'epoca arturiana, miscuglio di cavalleria, intrighi e tradimenti, ma le trame della nera Regina non possono essere rescisse con un colpo di spada. La sua è una presenza necessaria, come la luce per la tenebra, l'ordine per il caos, la ragione per la storia.


Recensione: Ho acquistato i tre libri di Michel Rio per una strana coincidenza, quando mi sono resa conto del tipo di scrittura di Rio sono andata avanti e indietro per due giorni non riuscendo a credere a che cosa avevo fatto. Avevo preso in blocco i tre libri di Merlino, Morgana e Artù, subito ribattezzati Broncio, l'Esaltata e lo Sfigato dopo aver letto il primo.
Ho letto quest'ultimo e ho lasciato perdere gli altri due libri, non volendo farne una scorpacciata. Poi ho cominciato Millennio di Fuoco-Seija e ho ripreso in mano il libro, il perché ve lo spiegherò nella recensione di Seija. Sono passata da un periodo di letture molto importanti a un intervallo di letture leggere a... Questo. Non è che Rio sia totalmente malvagio... Non è che è perché è francese... È che si tratta di un genere molto delicato: prendi una storia fritta e rifritta e usi quegli avvenimenti per raccontare qualcosa che generalmente non c'entra niente.
Dev'essere un vizio dei francesi, a scuola studiai che due grandi drammaturghi si sfidarono fino all'ultima battuta, uno usò la razionalità durante tutta la storia, l'altro studiò l'aspetto psicologico di ogni personaggio e delle ragioni che lo portano alle loro scelte. 
Chi l'avrebbe mai detto che l'unione delle due avrebbe prodotto qualcosa di spettacolare?
Il problema è il tipo di scrittura, a volte leggero a volte molto complesso. Merlino aveva una scrittura molto complessa, Morgana solo in alcuni punti, per il resto non puoi non resistere al fascino di questo personaggio.
Se Merlino era  pensieroso e a tratti cupo, Morgana è un essere umano dall'inizio alla fine, ha paura e si ribella, non vuole arrendersi, fino alla fine cerca di non seguire le leggi della natura, ha paura della morte e vuole sfuggirgli finché non si arrende e accetta quello che è col passare del tempo, un essere umano.

L'unica cosa che mi fa saltare la mosca al naso è Mordred. Secondo le fonti più antiche, era figlio di Morgause e Artù, ma essendo Morgause un personaggio marginale nel ciclo arturiano, è stata spesso confusa con Morgana, volontariamente o meno. Molti dei comportamenti quasi mostruosi di Morgana hanno una spiegazione con l'associazione di Mordred, ma Rio si rifiuta di darvi una chiara risposta, lasciandomi una sola domanda: perchè? Diamine, perché?
Ops, sono due.
Merlino è il filosofo, l'utopista, pragmatico e con uno spiccato senso politico; Morgana è un personaggio umano, forte e debole allo stesso tempo che cerca di raggiungere la perfezione di Merlino; Artù è sempre descritto come il condottiero e il governante ideale e per questo motivo annoia. È perfetto e la perfezione è noiosa. Commette degli errori che non trovano spiegazione in questo libro perché non è lui il protagonista, ma neanche Morgana da molte spiegazioni al suo comportamento se non la sua coerenza verso un determinato pensiero. Nonostante questo io continuo a chiedermi perché. 

Come vi dicevo prima, il libro non racconta la storia della Tavola Rotonda, piuttosto la usa per raccontare qualcos'altro: Morgana la strega, la scienza.
Questo libro è stato spesso associato alla scienza e non mi sorprende più di tanto: per i canoni dell'epoca la magia rientrava nella saggezza, perché non far diventare la figura di Morgana quella di una donna scienziato mossa dalla curiosità?
Vi ho incuriosito, vero?

In tutto questo mi concedo una piccola frivolezza, il Mergana. Sono spesso rappresentati come due facce della stessa medaglia, il loro rapporto nel libro è commovente. Morgana lo ama fin da subito, ma sa che non c'è posto per lei, immagino sia questo che la porta a compiere alcune azioni che altrimenti riterrei incomprensibili. Vi chiedete quali?
Morgana si prefigge di far cadere la Tavola Rotonda e Merlino glielo lascia fare, non perché incurante, ma perché sa che se le persone che incarnano questo ideale ne saranno degne questo vivrà, altrimenti cadrà. In questo modo lui non ne attribuisce alcuna colpa o merito alla sua allieva, quanto alla natura facilmente corruttibile dell' uomo.
Leggero e profondo allo stesso tempo, vi terrà incollati fino all'ultima pagina.

Pro: si legge in poco tempo

Contro: "è una lettura leggera", direbbe Hermione. Scherzo, in realtà è molto profonda.



Rating:


Giudizio:

              

Commenti

  1. Li lessi molto tempo fa, e rimasi confusa dal piglio filosofico della narrazione. Dovrei rileggerli ora che sono più matura: credo che il mio giudizio sarebbe molto diverso.

    RispondiElimina
  2. La figura di Morgana mi ha sempre incuriosito e affascinato, ma confesso di saperne veramente poco su di lei... Credo che questo libro potrebbe fare al caso mio per approfondire la sua conoscenza! *-*

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…