Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo. Il ladro di fulmini

Non mi piace pubblicare due volte in un giorno, ma questa recensione doveva vedere la luce entro ieri, quindi...

Titolo: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo. Il ladro di fulmini

Titolo originale: Percy Jackson and the Olimpians. The lightning thief

Autore: Rick Riordan
Casa editrice: Mondadori
Anno: 2010
Prezzo: 17,00 euro


Trama:
Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia greca e gli dei dell'Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York, più vivi e litigiosi di prima. Tanto che l'ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus, e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull'innocenza di Poseidone, dio del mare e padre perduto, che l'ha generato con una donna mortale facendo di lui un semidio. Nuove gesta e antichi nemici lo aspettano, e non saranno solo lo sguardo di Medusa e i capricci degli dei ad ostacolare la ricerca della preziosa refurtiva, ma le parole dell'Oracolo e il suo oscuro verdetto: un amico tradirà, e il suo gesto potrebbe essere fatale... 


Recensione:
Avete presente quando vi innamorate a prima vista di un ragazzo/a? Quando scocca la scintilla e le cose vanno come in una favola? Quando ci uscite di nuovo e concludete la serata chiedendovi cosa ci avevate trovato la prima volta?
Bene, adesso che avete presente quella sensazione, provate ad applicarla ad un libro.
Ceeeeeerto

Ho ADORATO questo libro quando avevo quattordici anni, allora l'ho divorato in pochi giorni, adesso però non è la stessa cosa. 
Lo stile narrativo dell'autore è ottimo se si sta scrivendo la sceneggiatura di un telefilm, ma se la struttura narrativa non è ben organizzata allora ti ritrovi a chiederti quanto manchi alla fine.
I personaggi sono meravigliosi come sempre, la loro evoluzione nell'arco della storia è sempre meravigliosa, anche se Rickman era davvero molto acerbo come scrittore.
I riferimenti alla mitologia greca sono davvero superficiali, lo ammetto. Essendo questo un romanzo per ragazzi, non dovrei stupirmene, ma continuo a tenere il broncio per la mancanza di significati più profondi per ogni mito citato, cosa che invece accade nei libri successivi.

Rileggere un libro è sempre un rischio: puoi innamorarti come la prima volta o chiederti che cosa mai ti avesse fatto perdere la testa e in questo caso non me la sento di dare torto a sua grazia, the Duke of Bookingham.

Un altro problema è la lentezza. Maaaaammamia, quanto è lenta questa storia. Sono sempre pronta a rileggere Harry Potter nonostante i numerosi feelings durante la lettura, ma rileggere Percy comporta notare i numerosi errori, come notare quanti personaggi sono stati caratterizzati e quanti possano essere scartati a priori come "cattivi sotto copertura".
Penso che il motivo principale di questo "basso tono", sia che Rickman non si aspettava tutto questo successo e che avesse scritto il libro solo per divertirsi; una volta che le cose hanno preso una piega diversa ha dovuto cambiare registro.
Damn Damn 

Pro: PERCY YOU SEAWEED BRAIN

Contro: La leeeenteeeeeezza



Giudizio:
Rating:




Commenti

  1. Mi spiace che la tua seconda volta sia stata parecchio peggiore della tua prima volta con questo libro. Io l'ho letto una volta sola e neanche troppo tempo fa. Mi sono innamorata del titolo del primo capitolo e ho dovuto leggerlo. Ma quello che dici su Riordan secondo me è verissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro la sua ironia, ma temo che gli ultimi libri della saga siano quelli pi adatti a me

      Elimina
  2. Ehi! Mi dispiace commentare così in un post ma non sapevo dove altro farlo, perdonami.
    Oggi il mio blog compie un anno e, come spesso accade, è stato aperto un giveaway.
    Spero ti possa interessare, ti lascio il link.^^
    A presto!
    http://ventodilibri.blogspot.it/2016/04/un-anno-del-blog-giveaway-di.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…