Passa ai contenuti principali

5 cose in cui ogni blogger si riconoscerà (parte 2)

Ho realizzato che questo post era pronto da secoli, ma come mai non l'avevo pubblicato? Ah già, l'intro. forse è stata anche una sorta di motivazione nascosta per finire di scrivere quei post che erano meno divertenti da scrivere ma molto più semplici da mettere assieme.
Non giriamoci intorno, mi sto annoiando, soprattutto perché sta arrivando il mio compleanno e l'unica gioia nel frattempo è fare la torta con lo stemma degli Stark cercando un modo di farla in versione CELIACA
Non riesco nemmeno più a cogliere l'ironia in tutto questo.




Parte seconda

1)L'impaginazione è peggio dei capelli, alle volte sembra avere vita propria. Davvero, cos'è successo mentre cliccavo il tasto "Anteprima"? Perché quell'immagine si è spostata di trenta metri? E perché il font è diverso da come l'avevo impostato? E perché è ancora così al trentesimo tentativo?


2) Quando pensi di aver fatto un post figo, nessuno lo legge, quando scrivi due righe senza nemmeno pensarci, tutto il mondo le nota. Compresi gli errori di battitura.


3) Le gif sono peggio dei Pokemon, c'è sempre quella rara e perduta. Gotta catch 'em all


4) Ci sono rubriche che riesci a gestire per mesi, anni e secoli, altre che non durano nemmeno un anno.
Sia perché non prendeva, sia perché non ci ha ispirati abbastanza da farla vivere a lungo, c'è sempre qualcosa che porta alla sua fine.


5) Il/la tuo/a blogger preferito/a ogni tanto sparisce che stagioni di Sherlock spostati.
No, seriamente, dove sono andati? Quando torneranno? Non hanno fatto neanche un salutino!
Oppure hanno salutato ma non si sono presentati alla fine della "pausa"


Commenti

  1. Ah, quant'è vera la prima! Terribile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo dimenticato di rispondere ai commenti, shame on my cow XD
      Sempre attualissima

      Elimina
  2. Prima di tutto, la nuova grafica è carinissima. Non l'avevo notata prima XD.
    Mi riconosco nella 2, sopratutto perché faccio tantissimi errori di battitura. Ci sono recensioni di cui vorrei parlare con i miei follower e ovviamente vanno tutti a commentare quella di cui m'importa un po' meno ç_ç
    E anche la 4. Però non cancello mai nessuna di esse perché in un modo o nell'altra tornano in vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sto ancora litigando con le pagine
      Trovo davvero carino quando si va a sfociare in un confronto con il lettore, ti da quel senso di "angolino non del tutto sperduto" e "non sono del tutto bazzecole"

      Elimina
  3. L'impaginazione è il motivo per cui - in preda alla disperazione - ho imparato due o tre cose di html. Ma soprattutto ho imparato a limitarmi con le immagini, perchè dopo un tot blogger fa come pare a lui.
    Cmq mi identifico in tutte. E poi c'è la 5 ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La 5 per Sherlock o per la 5 in sé? XD

      Elimina
  4. Oddio mi ci sono ritrovata troppo soprattutto per quanto riguarda l'impaginazione xD La odio... ci litigo ogni volta! XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…