Passa ai contenuti principali

RUBRICA | 5 motivi per non aprire il blog in un periodo di fuoco

A very bookish post



Adesso la sessione invernale si è definitivamente conclusa anche per me, posso mettermi al lavoro e concludere anche questo post che mi sarà di nuovo utile in tempi futuri: perché non è una saggia idea continuare a pubblicare post quando in realtà dovrei occuparmi di tutt'altro.

Questa non è la prima volta che metto il blog in pausa (Hiatus, com'è fashion), ma mi rendo conto che ho più voglia di mettermi a lavorarci su se devo fare tutt'altro. Adesso che l'ho scritto vorrei prendermi a schiaffi da sola.
Qui elencate le principali motivazioni:


1) Il blog richiede tempo, cura ed energia
La solita routine, come le recensioni e le rubriche con una cadenza periodica tolgono abbastanza tempo. Ogni post deve soddisfare visivamente, intellettualmente e grammaticalmente, altrimenti non va bene. Ultimamente non mi sto limitando alla blogosfera, quindi parlo di varie iniziative trovate sui social, specialmente tumblr.
La grafica in generale è una tortura, non so mai da dove cominciare.

2) Se hai delle rubriche non puoi scriverle di getto, queste richiedono tempo
Come detto prima, un post Random lo posso scrivere anche in un giorno, in preda ad un impulso fangirl, ma tutto il resto no. L'idea geniale da aggiungere ad un post  salvato in bozze potrebbe venirvi mentre cucinate l'impepata di cozze, meglio non affrettarsi a pubblicarlo (e fu così che il post vide la luce dopo 473 giorni).



3) Il blog ha delle scadenze, vedi le rubriche, le challenge...
Giovedì c'è quella rubrica, martedì scade la challenge di Pantofolina quindi devo aver già pubblicato le recensioni di Quarantré sfumature di blu, Istinti omicidi e pena di morte e Città ideale dove vivono tutti i personaggi morti negli altri libri. Ah si, il lunedì successivo c'è anche un esame.



4) Hai delle priorità
Siamo seri, entrambe le cose, blog ed esami, sono importanti per noi, ma se il blog possiamo rimandarlo a domani non muore nessuno, se rimandiamo l'esame son dolori...

5) Hai un esame, mica bruscolini!
Stiamo parlando di un esame, di qualcosa che rivoluzionerà la tua vita, la sta già rivoluzionando in questo momento mentre studi per un buon voto, non credi di doverti impegnare a fondo?


Magari, Albus, magari...

Se questo fosse un post su un social questi sarebbero i miei tag:


#chiudiamazon#anchetumblr
#amazonsmettididirmiqualideimieilibriinwishlistadessocostanomeno
#cosamiprende 
#esami#lisupererò

Commenti

  1. Un giorno racconterò del momento di cui ho deciso di aprirlo io e devo dire che l'ho fatto dopo aver ponderato bene tutte queste cose di cui tu parli! Mi piace poter parlare di libri con persone che capiscono i miei gusti e le mie emozioni, soprattutto quando, per la maggior parte del tempo, sono circondata da persone che, nel momento esatto in cui accenno a questa mia passione, mi guardano come se fossi una pazza che vive nel mondo dei sogni! :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I feel it, sis. Pensa che io devo ancora acquistare libri di nascosto senza dover subire lo sguardo indagatore di mia mamma.

      Elimina
  2. Hai ragione, anche la scorsa settimana causa esami non ho pubblicato nulla, ma da ieri con più calma ho ripreso, anche perchè il blog deve essere un piacere e non una cosa da incastrare a forza tra le altre e che devi fare per forza. Spero che gli esami siano andati bene. Buone letture!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono andati esattamente come avrei voluto, ma grazie :)

      Elimina
  3. Come non corcordare, disse quella col blog attualmente in pausa D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ridacchio ogni volta che rileggo questo tuo commento.

      Elimina
    2. Perché meglio ridere che piangere

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…