Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | L'ombra del vento

Titolo: L'ombra del vento
Titolo originale: La Sombra del viento
Autore: Carlos Ruiz Zafón
Casa editrice: Mondadori
Anno di pubblicazione: 2001
Prezzo: 13 euro

Trama:
Una mattina del 1945 il proprietario di un modesto negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, nel cuore della città vecchia di Barcellona al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo in cui migliaia di libri di cui il tempo ha cancellato il ricordo, vengono sottratti all'oblio. Qui Daniel entra in possesso del libro "maledetto" che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un labirinto di intrighi legati alla figura del suo autore e da tempo sepolti nell'anima oscura della città. Un romanzo in cui i bagliori di un passato inquietante si riverberano sul presente del giovane protagonista, in una Barcellona dalla duplice identità: quella ricca ed elegante degli ultimi splendori del Modernismo e quella cupa del dopoguerra.

Recensione:
Avevo già letto Marina e Il palazzo della mezzanotte dello stesso autore e avevo perso la fiducia in lui in quanto il genere sembrava essere lo stesso. Attenzione, non il genere
letterario, ma lo schema narrativo, quindi non mi aspettavo di riprendere in mano un suo romanzo tanto presto, anzi, non in questo decennio, quindi Carlos, parliamoci chiaro, devi ringraziare la Lotto Reading Challenge.
Chi si immaginava che mi sarebbe piaciuto? 
Ho ritrovato a grandi linee lo stesso schema narrativo ma stavolta meglio sviluppato. Finalmente il mistero è racchiuso dentro una scatola dentro un'altra scatola e quando pensi di aver raggiunto il culmine della narrazione non è ancora finita. Finalmente ho conosciuto lo Zafón di cui tutti erano entusiasti e che tutti amavano.
I personaggi non sono degli stereotipi che posso ritrovare in un'altra opera dell'autore sotto un altro nome, finalmente!! Sono vivi e respirano attraverso la carta, sorridono, piangono e ti fanno l'occhiolino (Ciao Fermin). 
L'unica pecca è Daniel, la sua linea narrativa è stata quella che mi ha entusiasmato di meno, anzi, l'ho trovato noioso, mentre mano a mano che i misteri del passato venivano svelati e con loro i relativi personaggi, mi emozionavo sempre di più. Qualsiasi
supposizione io facessi non poteva eguagliare il mistero che si celava tra le pagine.
La cosa che più ho amato però è stato l'amore per i libri e la lettura che trabocca ovunque, più che una storia di mistero, è una dichiarazione d'amore alla parola scritta. Sentire l'amore di un'altra persona per i libri attraverso le pagine è stata una sensazione indescrivibile. Attraverso le sue parole mi sono ritrovata bambina con in mano il primo libro che io abbia mai letto,  Zafón è stato la maddeleine che in un attimo mi ha riportato indietro alle sensazioni di allora ed è stato come ricominciare a leggere una seconda volta.

Si Carlos, penso di poterti perdonare gli obbrobri che hai scritto in seguito, ma vedi di correggere il tiro in futuro.



Pro: adbelrkgnper (per chi non conoscesse il fangirlese: "Questa è la perfezione!)

Contro: Ci si può lamentare di un inizio piuttosto lento. Alle volte. Baggianate secondo me.


Rating:



Giudizio:



Commenti

  1. Sono davvero felice che tu abbia avuto l'opportunità di poter cambiare idea su questo autore e leggere uno dei suoi libri più belli! Anche Il Gioco dell'angelo per me è al livello di questo romanzo, abbiamo sempre a che fare col mistero e coi libri, non potrà che piacerti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero per lui, ho ancora paura di leggere qualcosa di suo nel caso rimanessi delusa nuovamente. In quel caso non c'è pro che tenga, gli manderò una luuuuuunghissima lettera di protesta, tanto che si chiederanno se è una bomba o una strillettera.

      Elimina
  2. Sono contenta che ti sia piaciuto Zafon! Secondo me è un ottimo scrittore. Come ha detto Alenixedda, Il gioco dell'angelo è sullo stesso livello di questo ed è molto bello. Gli altri libri che ha scritto erano in realtà racconti per ragazzi e quindi di un livello un po' inferiore.. Marina era il mio preferito però concordo con te, alla fine si assomigliano un po' tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che nelle note iniziali di Marina lui avesse scritto qualcosa a proposito del fatto che Marina fosse il suo romanzo "adolescente" e che tutti gli altri libri precedenti fossero più per bambini e ragazzi e che quelli successivi fossero per più per un pubblico adulto. Non mi resta che cercare l'ordine cronologico.

      Elimina
  3. Stupendo, semplicemente uno dei miei libri preferiti :D
    Ormai lo consiglio a tutti come lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dovessi consigliarlo lo farei senz'altro, se dovessi consigliare l'autore direi "vacci coi piedi di piombo".
      Ha il suo fascino però, perché mentre stai leggendo non riesci a fare bene i collegamenti, riesce a prenderti tantissimo.

      Elimina
  4. Ciao!!! Leggere la tua recensione è stato illuminante, perchè io ho letto Marina e proprio non mi è piaciuto, ma per niente e ho giurato di non leggere più nulla, pensando che non facesse per me. Invece leggere che tu hai provato le mie stesse emozioni mi ha rassicurata e visto che me lo hanno regalato, lo leggo!!!!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che tu possa dare una seconda possibilità al libro! Di tutti i suoi libri questo è il più bello finora. Marina è stato il primo in assoluto con cui ho avuto il piacere di fare la conoscenza e non mi era dispiaciuto, solo che una buona/grossa parte dello schema narrativo l'ho ritrovato nel "Il palazzo della mezzanotte". Non sai che rabbia!

      Elimina
  5. Complimenti per la recensione! :)
    Zafon come autore non fa per me, adoro il suo stile, mi piace davvero tantissimo,ma le sue storie proprio non fanno per me,ma questo è stato il primo libro che ho letto di suo, e l'ho adorato! I problemi sono arrivati dopo, ma questo mi era piaciuto tantissimo e sono contenta che sia piaciuto anche a te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^-^
      Hai ragione, il suo stile è davvero affascinante e non riesci a renderti conto che stai finendo nella sua trappola finché non sei quasi alla fine. Però questo libro è meraviglioso.

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | Harry Potter and the Cursed Child

Titolo: Harry Potter and the Cursed Child
Autore: J. K. Rowling, Jack Thorne, John Tiffany
Casa editrice:Little, Brown Book group
Anno di pubblicazione:2016
Prezzo:Onestamente troppo







Commenti divertenti che ho trovato in giro per internet:

"C'ha la copertina bella"
-Caleel

"NO"
-Ilenia Zodiaco

"I'll pretend this book never existed"
-Serena-Seriously

Salve Viandanti,  come promesso ecco la recensione del libro, anche se più che una recensione si tratta di una sorta di trattato vero e proprio.
C'è così tanto che vorrei dire, accidenti....
Innanzitutto questo libro ha ridefinito il mio personale rating: se prima il valore più basso della scala era "Che @€#&% ho letto", adesso il gradino più basso è "Ma ci ho veramente speso dei soldi?"
Mi sembrava davvero di avere a che fare con qualcosa uscito da Wattpad che per puro caso si era trovato con una copertina con su scritto "Harry Potter".
Lettori a cui è piaciuto, siete a…