Passa ai contenuti principali

Doctor Who Tag

Signori, vorrei fare presente che qui ho raggiunto un record. Un tag salvato da meno di due mesi è stato completato- Un momento per favore, ce l'ho fatta.

Detto questo, il tag non ha bisogno di presentazioni o introduzioni, divertitevi!
Ringrazio Gaiman in the Tardis perché ho trovato il tag sul suo blog e mi sono divertita un mondo a farlo.
La serie classica
un classico che rientra nella letteratura YA
Aaargh. Un classico che dovrebbe essere uno YA potrebbe essere Jane Eyre, in barba a tutte queste stupide persone che mi circondano che amano Cinquanta sfumature. Insomma, lei rispetta sé stessa. In Orgoglio e pregiudizio c'è anche questo sentimento. Insomma, gli YA dovrebbero ricordarsi che svalutarsi non è mai una buona opzione.


Il nono dottore
un libro che è realmente sottovalutato
Fableheaven! Si tratta di una saga, ma poco importa, è una di quelle poche saghe in cui hanno fatto una copertina fantastica anche in Italia e la trama è semplicemente meravigliosa. All'inizio non mi piaceva granché perché avevo preso il secondo volume senza aver preso il primo e ho voluto leggerlo lo stesso una volta capito l'errore, ma a parte alcuni dettagli, lo si può leggere senza problemi.



Il decimo dottore
un libro o una serie a cui è stato difficile dire addio
Vediamo... Harry Potter sarà sempre legato a me in un modo o nell'altro, quindi è praticamente inutile che io lo nomini è come se non fosse finito per davvero, ma la serie a cui è stato più difficile dire addio è stata Shadowhunter. La Clare continuerà, ma non ci saranno più gli stessi protagonisti, non ci sarà più un certo cattivo di nostra conoscenza che farà qualcosa ai nostri poveri protagonisti. Ci saranno ancora, ma non sarà lo stesso.


L'undicesimo dottore
un libro che ti ha fatto sorridere
 
Un libro che mi ha sempre fatta sorridere è L'albero di Halloween di Ray Bradbury. Per quanto l'argomento trattato sia la morte e Halloween, tutto questo viene narrato attraverso gli occhi dei bambini che considerano tutto questo soltanto un gioco. Non ho un distorto senso dell'umorismo, lo giuro. 



Rose and Ten
una ship che non è mai salpata

Qui mi serve una gif


Angeli piangenti
un libro che hai finito in un battito di ciglia
Aristotle and Dante. In genere mi serve del tempo per leggere un libro in inglese, a questo capolavoro sono bastati due giorni.


Dalek
un libro che vuoi sterminare
In questo momento c'è Leggende popolari irlandesi di Henry Glassie. Possibile che quando le edizioni italiane curano la copertina non riescono a curare il resto? Sembra sia stato tradotto con Google translate! Per fortuna si tratta di un prestito della biblioteca e non ho dovuto "sprecare" i soldi dell'acquisto.

Bowties are cool
un libro o una serie che hai letto perché tutti ne stavano parlando

Parliamo delle elementari, perché al momento leggo questo tipo di saghe solo perché E. mi rompe le scatole con "Devi leggerlo, non puoi capire, è letteralmente perfetto. Mi ha spezzato il cuore, è così bello e meraviglioso, ho pianto per giorni. Non riuscivo a crederci e quando mi sono resa conto che non stavo sognando ho pianto di nuovo!", questo è più o meno il sunto di quello che mi dice per convincermi e alla quale io finisco sempre per cedere. In genere per svicolare dicevo cose del tipo: "Devo finire una versione di latino, mi fa già piangere lei", ma adesso una ben fornita TBR rende impossibile convincerci a vicenda. Alle elementari invece tutta la classe ha finito per avere la stessa edizione di Zanna Bianca che era uscita in edicola. In un certo senso, è stata la mia prima reading along!


Run you clever boy, and remember...
un libro con un bel plot twist che non ti aspettavi
We were liars. Questo libro ha letteralmente strappato il mio cuore dal petto senza neanche tanti complimenti. We were liars.



Raxacoricofallapatorius
un libro con un titolo difficile da pronunciare
Non ne conosco nessuno. Mi vergogno a dirlo, ma niente su cui i miei occhi hanno posato lo sguardo aveva un titolo strano.

Il T.A.R.D.I.S.
un libro che ti porta indietro nel tempo
Harry Potter. Sembra scontato, ma è la mia infanzia.

Companion
tagga gli amici
Non sono sicura di chi segua Doctor Who qui su blogger, ma spero di azzeccarci, male che vada si unirà altra gente al fandom!
Katerina di A Game of Tardis, Syannalin di The road to hell is paved with books e Annie di .

Commenti

  1. Che bel tag *____* mi sono già messa a farlo :D

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo L'albero di Halloween, mi ispira la trama! Invece Aristotele and Dante mi ispira da una vita, in inglese è una lettura abbastanza semplice?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Generalmente impiego ere geologiche per le letture in inglese, Aristotle e Dante invece l'ho divorato in due giorni.

      Elimina
  3. Grazie mille per il tag! *__* E' carinissimo e complimenti per le scelte! :) Spero di riuscire a farlo presto! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…