Passa ai contenuti principali

Sarà la mia nuova fiamma?

Titolo: Firelight - La ribelle

Titolo originale: Firelight


Casa editrice: Piemme, Freeway Fantasy

Anno di pubblicazione: 2011

Prezzo: 9,99 euro

Trama:  
Discendiamo dai draghi. Siamo dei mutaforma che hanno sviluppato la capacità di apparire umani per sfuggire ai Cacciatori. Viviamo nascosti nelle foreste remote, volando solo di notte, dispiegando le ali quando nessuno può vederci. Siamo Draki. Io mi chiamo Jacinda e sono il tesoro del mio branco, l’unica capace di soffiare ancora fuoco.  Ma dopo aver infranto per l’ennesima volta le regole che proteggono la vita della nostra comunità, sono stata costretta a fuggire insieme a mia madre e mia sorella. Ci siamo sepolte vive in un’anonima cittadina, dove sono costretta a mantenere l’aspetto umano con il rischio di dimenticare la mia vera natura. Finché non mi sono ritrovata nella stessa scuola del mio Cacciatore. È possibile una simile coincidenza? Oppure questo bellissimo e pericoloso ragazzo non è quello che la sua famiglia vorrebbe far credere? 

Recensione:
Devo ammettere che è una storia molto bella, ma c'è un ingrediente già sentito. Per un po' ho pensato persino di aver sbagliato libro: il cacciatore e la preda innamorati, avete presente?
Questa attrazione inspiegabile tra i due, finché non mi sono ricordata: già, Twilight.
A questo punto ho continuato la lettura con un'occhio più critico, il mio radar-Twilight acceso al massimo e... Ta da! Esame superato!
Finalmente un libro in cui il prescelto deve salvarci tutti. Ragazzi, dopo Harry e Frodo la storia cominciava a puzzare di vecchio e, diciamocelo, un bel libro non ha bisogno dell'argomento "prescelto" per essere bellissimo.
E' vero, molte delle saghe che adoro trattano di questo argomento, ma in questa avrebbe stonato.
In Firelight, Jacinta, la protagonista, è un adolescente ribelle alle regole impostele da sua madre e dalla... comunità di draki in cui vive!
Non torna alle sei del mattino ubriaca, non va male a scuola, non si droga, vuole essere sè stessa quando altri le impongono di essere qualcos'altro, sfiorando la possibilità di essere catturata dai Cacciatori. Eh si, perché i draki (un passo in avanti nell'evoluzione dei draghi) sono creature che valgono tantissimo e per le quali non si esita ad uccidere.
Mi è piaciuta questa ricerca di sè stessa della protagonista, tra la sua parte draki e la sua parte umana che nel libro viene trattata per lo più come quel qualcosa che i nostri genitori ci hanno costretto a fare quando eravamo piccoli: calcio, pianoforte, compiti (Coff, coff..) In questo mi riferisco alla mamma draki, cieca di fronte al bisogno della figlia di non far morire la sua parte draki, solo perché la situazione lo richiede e perché impegnata lei stessa in un conflitto interiore con la sua natura. Proprio non mi sta simpatica.
Chi non mi è piaciuto, anzi, tutti e due gli spasimanti di Jacinta non mi sono piaciuti per la verità, uno un po'  troppo tipicamente follemente innamorato e l'altro... non lo so, ogni volta che leggevo di lui mi mettevo a ridere, sembrava
 uscitò da una tribù.

Un romanzo molto bello, fresco anche se forse può ingannare per qualcosa 
che sa di già sentito, ma pieno di suspence, di in cui i normali problemi si affiancano a quelli... supernaturali!





Pro: Fresco, entusiasmante. Da leggere.

Contro: Non riesco a trovarli difetti, quelli che ci sono diventano minuscoli una volta che si fa avanti.

Vi lascio il booktrailer americano, quello italiano non mi è piaciuto per niente


Commenti

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RUBRICA | I'm a book, pick me!

I'm a book, pick me Speciale Halloween

Interrompo ancora una volta lo Hiatus per  postare uno dei post che avevo ideato prima della pausa del blog. Come idea mi piaceva davvero e non volevo aspettare l'anno prossimo per postarlo, molto probabilmente perché potrei non farlo affatto o prendere parte alla skeleton war.



Stephen King - Per quel brivido d'autore
Ammetto di non aver mai letto Stephen King (non linciatemi), ma si tratta di una questione prettamente pratica: il 75% dei libri letti all'anno sono stati letti la notte. Questo vuol dire che se mi dimentico che ci sono gli elettrodomestici accesi mi viene un infarto, figuriamoci se succede mentre leggo King. Oltre che non saprei da dove cominciare.
A parte questo, chiedete ad un amante di Sephen King: sarebbe un'ottima lettura in tema Halloween.

L'amico immaginario - Perché i mostri alle volte sono veri
Nelle note l'autore ammette che si è ispirato a Stephen King. Lol.

L'albero di Halloween - Qualcosa di div…