Passa ai contenuti principali

RECENSIONE | Grandi Speranze

Curioso come ogni volta che debba fare la recensione di un classico mi chieda perché io la stia facendo. Ecco quindi le mie risposte:
-Sono talmente spoilerati da essere spoiler free;
-Se sono sono considerati attuali dopo secoli un motivo ci sarà;
-Cassandra Clare ha detto che la base per The Last Hours l'ha presa da questo libro;
-Non ho mai visto un libro così gay.



No, l'ho visto. Stevenson e Dickens si tengono fermamente testa quando si tratta di inserire dei personaggi implicitamente dichiarati.

Fino a qualche tempo fa credevo che il libro si limitasse alle vicende amorose di Pip, il protagonista, ma la recente lettura mi ha fatto riconsiderare completamente la mia opinione.
L'idea che il libro si basi sull'amore non corrisposto di Pip per Estella è un tantino noiosa e di contorno al resto della vicenda, anche se superbamente eseguita. Chiariamoci, Pip da innamorato è così noioso che le parti che riguardano lui ed Estella fanno innervosire perfino chi lo circonda nei suoi momenti di delirio amoroso (anche se credo che Herbert fosse solo geloso, del resto lui è il suo fidanzato).
Le grandi speranze di Pip, la(e) sua(e) storia(e) d'amore, sono soltanto l'ultimo tassello di una serie di terribili eventi a cui il caso (o le pessime idee dei personaggi) hanno portato al disastro. Pip continua a non c'entrare niente in tutto questo, è sono un bambino che passava nel posto sbagliato al momento sbagliato, entrando così nell'ultimo atto di una vicenda più che dolorosa.
Dickens utilizza sempre una storia per parlare dei problemi del suo tempo e accidenti se ci ha azzeccato, rendendo le vicende passate davvero pesanti, quasi da farti pensare che il libro che stai leggendo è quello in cui non succede niente e serve una serie tv, un prequel o un qualcosa per ciò che è successo prima dell'entrata in scena di Pip (succedono un sacco di cose nel libro stesso, solo che la mole di eventi precedenti che vengono accennati è enorme).
Lo stile mi è sembrato un tantino più articolato di quello a cui sono abituata, infatti si è rivelata una lettura ottima da accompagnare ad una tazza di té, per assimilare ciò che avevo appena letto tra una un sorso e l'altro.
Il riassunto di migliore che io abbia trovato... e non ci si capisce niente
C'è Dickens in tutte le sue forme: l'umorismo che ti aiuta a non annoiarti, soprattutto in alcuni passaggi piuttosto arzigogolati, con i personaggi che provengono da tutte le fasce economiche e sociali di Londra, senza dimenticare il pretesto di raccontare una storia per mostrare i lati più oscuri di Londra, come le carceri, i poveri relitti umani che ne entrano ed escono oramai distrutti e le ingiustizie che in quel periodo non si sprecavano.
Degni di menzione perché mi hanno scaldato il cuore: Herbert, la sua famiglia sgangherata, Clara, la bromance di Herbert e Handel ed infine Wemmick.
Fare un riassunto della trama sarebbe difficile, quanto al numero dei personaggi, farebbe invida ad un libro di George Martin.
Che dire? Preparatevi una tazza di té e cominciate a leggerlo.

Commenti

  1. Grandi Speranze non è il lavoro di Dickens che preferisco, ma la tua recensione mi ha fatto pensare che non ci ho capito niente e devo rileggerlo per amarlo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao XD. Ammetto di non aver perso la testa per lui, ma leggendolo continuo a chiedermi se tutta la chimica tra Handel ed Herbert non sia stata scritta apposta. Clara è tutta una copertura, me lo sento!

      Elimina

Posta un commento

Sono sempre contenta di vedere messaggi, mandami un gufo.

Post popolari in questo blog

RECENSIONE | L'amazzone di Alessandro Magno

Titolo:L'amazzone di Alessandro Magno

Autore:Bianca Pitzorno

Casa editrice: Arnoldo Mondadori

Anno di pubblicazione: 2004

Prezzo: 8 euro



Trama:
Mírtale è una bambina diversa dalle altre, una trovatella allevata per l'interessamento di Alessandro Magno, il capo supremo della spedizione che marcia alla conquista dell'Asia. C'è un mistero nel suo passato, che solo il re e i suoi amici più stretti conoscono. E l'educazione che le viene impartita, con grande scandalo del filosofo Callístene e di tutte le persone sensate, è identica a quella dei ragazzi-maschi di nobile famiglia. Poi c'è il fatto davvero straordinario che Bucèfalo, che non si lascia toccare da nessuno se non da Alessandro, non solo accetta le carezze di Mírtale, ma persino che la bambina gli monti in groppa. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione:
Devo premettere che sono una Fan di Bianca Pitzorno, sono completamente di parte! Ho cominciato a leggere con i suoi romanzi per bambini e mi sono sempre…

BOOKS PUT ME IN A GOOD MOOD | Partenza!

Salve, se state leggendo questo post vuol dire che ci siete, che mi avete seguito fino a questomomento e vi ringrazio. Nonostante tutti i problemi incontrati e i vari partecipanti che si sono ritirati, non fa niente, il progetto è partito. In settimana è arrivato il paco con il libro da spedire e ieri (o era avant'ieri?) l'ho spedito tramite posta raccomandata alla prima partecipante che potrà leggere, appuntare e disegnare sulle pagine qualsiasi cosa le venga in mente al momento.
Finalmente.  *Enorme sospiro di sollievo*

La mia sparizione è dovuta principalmente allo studio e all'esplosione del wi fi. Si, mi è esploso il wi fi. In realtà è andato in cortocircuito durante un temporale, ma dal lampo di luce proveniente dall'apparecchio e dalla successiva morte... riesco  a definire tutto ciò con "esplosione".
L'unico ad essermi rimasto fedele è il mio smartphone, ma internet è lento sul cellulare e non mi piace come vengono editati i post, tutto il materia…

RECENSIONE | L'ultima notte al mondo

Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
E non finisce qui: tra le pagine del prequel, Ed ero content…