Ecco qui, il post di fine anno. Tre mesi passati assieme, tredici follower in più di quanto mi aspettassi, molti post in meno di quanti ...



Ecco qui, il post di fine anno. Tre mesi passati assieme, tredici follower in più di quanto mi aspettassi, molti post in meno di quanti ne avessi in mente di pubblicare, tante persone incontrate grazie alla blogosfera. Innanzitutto scusate se sono scomparsa ma è il primo anno di università e sono un po'... disorganizzata! Negli ultimi giorni però sono riuscita ad organizzarmi un po' e ho già pronti per l'anno nuovo un sacco di recensioni, book tag e anche un nuovo progetto top secret. Ne saprete di più quando sarà il momento, nel frattempo mantengo il silenzio stampa.

1. Iniziare una TBR, magari quella di Goodreads, ma ho paura sentendo le altre blogger che si lamentano di quanto infinita sia questa lista.
2. Finire tutti i preparativi del progetto top secret entro la metà di gennaio, così da iniziare entro la fine del mese (prossimo).
3. Fare un bel giveaway per san Valentino, solo che ho un blog libroso, quindi un giveaway con un rossetto rosso Chanel va bene per un blog come mio? Mah, chissà...
4. Leggere tra i 60 e gli 80 libri per la Goodreads Challenge.
5. Capire come fare a inserire nel blog il contalibri della Goodreads Challenge.
6. Partecipare alla Lotto Reading Challenge. Partecipate anche voi, sembra che ci sarà da divertirsi!
7. Leggere più libri. Anche di quelli che ho in casa.
8. Leggere più classici, me lo ripeto ogni anno, ma non succede mai. Sono almeno tre anni che mi riprometto di leggere Anna Karenina.
9. Imparare gli acronimi. Non sto scherzando. Lol è stato un inferno, TBR ancora di più.

Questi sono i miei propositi e già mi chiedo quali riuscirò a portare a termine, vedremo il prossimo anno. E i vostri? Quali sono?

Ink

Ma salve! La vigilia di Natale, come ho fatto a sparire così a lungo? Volevo fare molto prima un post sulla Città del libro, non quella di ...

Ma salve! La vigilia di Natale, come ho fatto a sparire così a lungo? Volevo fare molto prima un post sulla Città del libro, non quella di Torino, quella più piccola che viene organizzata qui in Puglia, ma ho per una serie di sfortunati eventi non ho più le fotografie che ho fatto..
Dopo aver pianto un sacco perché quelle fotografie sono solo una piccola parte delle cose che ho perso che erano su quella memoria.. sigh.. 
Ricominciamo daccapo ed ecco un nuovo book tag! Visto che in questi giorni tra mia madre e mia nonna  non so chi è più entusiasta ne ho voluto approfittare anch'io. Ho messo anche i dolci tipici, se qualcuno volesse prendere questo tag e metterlo sul proprio blog può cambiare il nome e mettere quello dei suoi dolci tipici.
Adesso è ora, ho finalmente finito, anche se so già che tra dieci minuti mi verrà in mente qualcosa di meglio, leggetelo, divertitevi e non fatevi sottomettere dalla nonna schiavista nel preparare due quintali di dolci perché "sennò non bastano per tutte le persone che verranno a fare gli auguri" (Come ho fatto a farmi fregare?).


Panettone

Un libro che è carino, ma ha qualcosa che lascia l'amaro in bocca

L'ultima riga delle favole - Massimo Gramellini



Pandoro

Un'alternativa classica che va sempre bene

Il piccolo principe - Antoine de Sant-Exupéry



Panettone senza i canditi

Quel libro che non è il tuo genere ma sa convincerti lo stesso

Un inverno con Baudelaire - Harold Cobert
 


Incartellate

Quel libro scritto da qualcuno della tua zona ma non per questo non ne vale la pena


Il cacciatore di stelle - Simone Nuzzo



Salame di cioccolato

Quel libro che non hai capito bene cosa c'entra ma va bene lo stesso, tutti i giorni dell'anno.

Harry Potter e la pietra filosofale
 
Harry Potter. Perché sì.




Buone feste!

 

Titolo: The Maze runner - Il labirinto Titolo originale: The Maze runner Autore: James Dashner Casa editrice: Fanucci Anno di pubblicaz...

Titolo: The Maze runner - Il labirinto
Titolo originale: The Maze runner
Autore: James Dashner
Casa editrice: Fanucci
Anno di pubblicazione: 2014
Prezzo: 14,90 euro

Trama:
 Quando Thomas si sveglia, le porte dell'ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome di battesimo. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella Radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra, che non lasciano filtrare neanche la luce del sole. L'unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra del gigantesco Labirinto che li circonda vengono aperte, per poi richiudersi di notte. Ben presto il gruppo elabora l'organizzazione di una società ben ordinata e disciplinata dai Custodi, nella quale si svolgono riunioni dei Consigli e vigono rigorose regole per mantenere l'ordine. Ogni trenta giorni qualcuno si aggiunge a loro dopo essersi risvegliato nell'ascensore. Il mistero si infittisce un giorno, quando - senza che nessuno se lo aspettasse - arriva una ragazza. È la prima donna a fare la propria comparsa in quel mondo, ed è il messaggio che porta con sé a stupire, più della sua stessa presenza. Un messaggio che non lascia alternative. Ma in assenza di altri mezzi visibili di fuga, il Labirinto sembra essere l'unica speranza del gruppo o forse potrebbe rivelarsi una trappola da cui è impossibile uscire.

Recensione:
 
 Devo ammettere che se Dylan O'Brien non fosse il protagonista della trasposizione cinematografica non avrei mai pensato di leggere la saga, quindi, ringrazio caldamente il bellissimo Dylan per aver accettato la parte!





Tornando al libro, la prima cosa che ho pensato è: non sembra il mio genere. La seconda: non è quello che sembra.
L'intero libro è un grosso rompicapo, le domande si susseguono durante tutta la lettura, appena pensi di aver trovato la risposta ad una domanda, arriva sempre quel particolare che le mette in dubbio e sconvolge la narrazione.


Il protagonista, Thomas, viene catapultato in una situazione in cui sembra
non ci sia via d'uscita, tutte le persone che incontra sembrano essersi arrese a vivere all'interno della Radura, anche se ci sono ragazzi che hanno l'incarico di esplorare il Labirinto. La vita che si prospetta a Thomas è questa, quando prima ancora di prendere una decisione arriva una ragazza nella Radura che stravolge la situazione e costringe Thomas a farlo in fretta.
Per la prima parte del libro mi ha colpito la finta calma che circonda la Radura e come i ragazzi abbiano creato una società perfettamente funzionante. La seconda parte inizia quando le cose prendono una piega inaspettata (l'ennesima) e i ragazzi devono trovare una soluzione a ciò che sta accadendo, prima che sia troppo tardi. Thomas in particolare cerca di sapere tutto il possibile, ogni volta che si ritrova in una situazione cerca di risolverla. Non è il tipico eroe senza macchia, si trova in preda al panico, ma cerca di ingegniarsi per uscirne fuori. Ho apprezzato tantissimo che nonostante la narrazione vada "di fretta" l'autore abbia reso bene i personaggi. In effetti, quasi non me n'ero accorta, ma ripensandoci, è come se ogni volta che Thomas incontra un altro personaggio aggiunga un pezzo di descrizione, alle volte in modo velato, alle volte con più dettagli, così quasi non mi sono resa conto di questo e di quanto mi stessi affezionando a loro. Non è soltanto la storia, è anche il modo in cui è scritta che è sorprendente, ed è stata davvero una bellissima lettura.


Una domanda che  è rimasta senza risposta e che ancora mi assilla è: se tutti i ragazzi della Radura prendono il loro nome da un personaggio famoso, Minho da dove è uscito? Se qualcuno lo sa, me lo dica per favore!  

Pro: Non cesserà di sorprendervi

Contro: Tenete pronti i fazzoletti per quando meno ve lo aspettate

Finalmente mi cimento anch'io in questa rubrica, non vedo l'ora di cominciare! Non so ancora se questa sarà una rubrica periodica o...

Finalmente mi cimento anch'io in questa rubrica, non vedo l'ora di cominciare! Non so ancora se questa sarà una rubrica periodica o no, ma l'importante è provarci.

 BannerFans.com

 What have you recently read? (Cosa hai letto recentemente?)

L'amico immaginario di Matthew Dick. E' un libro uscito qualche anno fa e non appena ho trovato l'edizione economica non me la sono lasciata scappare!



What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)

I libri per gli esami all'università. Ahahaha.
E il trono di ghiaccio. Ci ho messo un'eternità per decidermi, 
ma adesso non riesco a non farne a meno, amo Cealena!

 

What will you read next? (Cosa leggerai prossimamente?) 

Bella domanda! Ho appena scaricato Albion sul kindle, ma penso che da come sto divorando il Trono di ghiaccio tra un po' andrò in cerca del seguito come uno zombie affamato. Per non parlare delle Cronache di Magnus Bane in edizione completa! 
Sarà difficile. 

A presto!

Christmas Tag! Salve gente! Natale si avvicina e ho pensato di fare un bel post approposito di libri da leggere aspettand...


Christmas Tag!









Salve gente! Natale si avvicina e ho pensato di fare un bel post approposito di libri da leggere aspettando i regali sotto l'albero, magari vicino  il caminetto, per chi ce l'ha. In caso non l'abbiate, attaccate una gigantografia di un caminetto al termosifone, basta non metterla a fuoco e avrete lo stesso effetto.

Cominciamo con un classico intramontabile, se non avete visto il film in 3D, vi consiglio di farlo!

Numero 1 - Canto di Natale

Titolo: Canto di Natale
Autore: Charles Dickens
Prezzo: 4,25 euro
Numero pagine: 100






Ebenezer Scrooge, arido e spilorcio finanziere londinese, odia il Natale. Lo considera - anzi - tempo perso, e un ostacolo al proprio arricchimento. Ma la notte della Vigilia, dopo una giornata passata alla scrivania senza nulla concedere all'atmosfera festosa che lo circonda, riceve la visita di tre spiriti: quello del Natale passato, quello del Natale presente e quello del Natale futuro. Nel corso di un fantastico viaggio che farà rivivere a Scrooge tutte le tappe della propria vita e intravedere un ben misero futuro, gli spiriti riusciranno ad aprire i suoi occhi a sentimenti di generosità e amore. Il Canto di Natale non è però solo una favola a lieto fine. È anche uno degli esempi meglio riusciti di critica sociale di Dickens, oltre che una delle più famose e commoventi storie sul Natale.

Per chi volesse ridere dei cliché natalizi e del lato "peggiore" di questa festa...

 Numero 2 - Holidays on ice

Titolo: Holidays on ice
Autore: David Sedaris
Prezzo: 9,00 euro
Numero di pagine: 178 pagine





Il debutto di David Sedaris avvenne all'inizio degli anni '90 con la lettura alla radio del racconto della sua esperienza come elfo natalizio in un grande magazzino di New York: una serie di scene esilaranti e corrosive che fotografavano impietosamente le icone sacre del mondo di oggi: il mito del Natale affogato nei consumi, il muto naufragio dei bambini, vittime inconsapevoli delI'insensatezza della festa, la surreale crudeltà dei rapporti di lavoro e di famiglia, il vuoto e la solitudine che la valanga scintillante dei regali non può nascondere... Questo libello sul falso luccichio del Natale rivelò il talento di questo giovane umorista, comico spietato e sottilissimo, implacabile osservatore delle follie della modernità. 

Per chi vuole ridere a crepapelle, con un tocco un po' macabro e sanguinolento

 Numero 3 - Uno stupido angelo. Storia commovente di un Natale di terrore


Titolo: Uno stupido angelo. Storia commovente di un Natale di terrore

Autore: Christopher Moore

Prezzo: 14,02 euro

Numero di pagine: 239 pagine






Natale sta arrivando e gli abitanti del piccolo villaggio di Pine Cove in California sono impegnatissimi a far acquisti, impacchettare regali, decorare la casa e inghirlandare alberi, immersi nello spirito gioioso della festa. Ma non tutti hanno il cuore lieto e, fra questi, c'è il piccolo Joshua. A rattristare il bambino è la convinzione che quest'anno non riceverà regali, dal momento che ha visto con i suoi occhi Babbo Natale ricevere un colpo di pala e stramazzare a terra. Per questo, da quel momento, la sua unica preghiera è: "Ti prego, Babbo Natale, torna dal regno dei morti!". E si sa, per quanto impossibili, a volte i desideri dei bambini vengono accolti in paradiso; in questo caso quello di Joshua viene intercettato dall'arcangelo Raziel, che non è certo l'angelo più sveglio nel regno dei cieli. Spinto dall'euforia per la missione che deve compiere, l'arcangelo dà inizio a una serie di eventi che getteranno i residenti di Pine Cove dritti nel caos, culminante nella festa di Natale più esilarante e terrorizzante che la città abbia mai visto. È il Natale secondo Christopher Moore, grottesco e cattivello al punto giusto, qui presentato ai lettori italiani in edizione integrale con un nuovissimo capitolo aggiunto dall'autore.

Per le più romantiche, una storia d'amore sotto il vischio.

Numero 4 - Un regalo da Tiffany


Titolo: Un regalo da Tiffany
Autore: Melissa Hill
Prezzo: 9,90 euro
Numero pagine: 401



 
Quale ragazza non sogna, una volta nella vita, di ricevere in dono un gioiello di Tiffany? A New York, sulla Fifth Avenue, il giorno della vigilia di Natale due uomini stanno comprando un regalo per la donna di cui sono innamorati. Gary, che aveva quasi dimenticato il regalo per la sua fidanzata Rachel, sta acquistando per lei un braccialetto portafortuna. Ethan invece sta cercando qualcosa di speciale: un anello di fidanzamento per Vanessa, uno splendido solitario col quale si inginocchierà davanti a lei e le farà una romantica proposta di matrimonio. Ma quando per sbaglio, all'uscita dal negozio, i due regali vengono scambiati, Rachel si ritroverà al dito l'anello destinato a Vanessa. E per Ethan riportarlo alla donna per la quale lo ha scelto non sarà affatto semplice. Soprattutto se il destino ha altre idee a riguardo...

Per i più piccini o per chi non rinuncia alla magia del Natale

Numero 5 - Miracolo in una notte d'inverno



Titolo: Uno stupido angelo. Storia commovente di un Natale di terrore

Autore: Christopher Moore

Prezzo: 14,02 euro

Numero di pagine: 239 pagine






Mentre giocano in riva al mare, due bambini trovano sul fondale una scatola di legno minuziosamente intarsiata, chiusa a chiave, ancora ben conservata. Quando la aprono, con l'aiuto del nonno, vi trovano un antico orologio da taschino e un biglietto ormai scolorito, sul quale è scritto: "Felice Natale, cara piccola Ada. Tuo fratello Nikolas". Pieno di stupore, il nonno ricorda una sorta di leggenda che aleggia sulla cittadina di Korvajoki, fin dai tempi in cui era un minuscolo villaggio di pescatori: "Immaginate di avere ali immense come quelle di un'aquila, che vi sollevano in aria e trasportano sopra il mare, fino all'isola della famiglia Pukki. Volate con la fantasia...". Nikolas abita con la famiglia sulla piccolissima isola di fronte alla costa, quando una furiosa tempesta fa naufragare i genitori e la sorellina. Il bambino, che ha solo cinque anni, viene adottato da tutte le famiglie del villaggio e piano piano dimentica la paura, accetta l'amore e scopre nuove fonti di gioia. Ma non dimentica mai l'amata sorellina, finché un giorno, nel villaggio, nasce una nuova bambina di nome Ada, che riesce a provocare in Nikolas un'incredibile trasformazione.

Per chi è a dieta e vuole saltare i cenoni che ti riempiono sia di cibo (o di chiacchiere pungenti) ma non rinuncia al dolce

Numero 6 - Il caso del dolce di Natale


Titolo:Il caso del dolce di Natale
Autore: Agatha Christie
Prezzo: 9,50 euro
Numero pagine: 266
 



«Questo libro è come un pranzo di Natale preparato da un vero chef. E lo chef sono io!» Così Agatha Christie presenta la sua raccolta in sei gustosissime portate: dall'antipasto al dessert, sei indagini dell'inossidabile Poirot e della solo apparentemente innocua Miss Marple, alle prese di volta in volta con rubini scomparsi, omicidi simulati o reali, inquietanti sogni premonitori, un cadavere ritrovato in una cassapanca, una coppia di sposi particolarmente litigiosa, un anziano signore dalla candida barba e dalle abitudini alimentari troppo prevedibili. E un cesto di erbe selvatiche che svela le trame di un assassino...
Sei impeccabili, fulminanti meccanismi narrativi che nella rapida misura del racconto trovano la loro perfetta espressione.








Spero vi sia piaciuto, a presto e...
Buon Natale!

Grazie per essere passati di qui...

Powered by Blogger.

Cerca nel blog

Social